Osteopatia: Come può la Sindrome Premestruale influenzare la voce?



La laringe è un organo bersaglio ormonale, ciò è stato dimostrato da numerosi studi nel corso degli anni. Quando occorrono dei cambiamenti ormonali, le donne possono ricontare che la loro voce subisce delle modifiche. Se ne accorgono in modo particolare le cantanti, le speaker, le insegnanti e le donne che in generale usano molto la voce. La Sindrome Premestruale (SP) viene comunemente descritta dalla donne come una condizione che le affligge nella fase che precede il ciclo. E' proprio durante questo periodo che le donne passano riscontrare cambiamenti vocali. Quando il livello di estrogeni cade, subito prima della mestruazione, aumentano i livelli di ritenzione idrica nei tessuti creando un aumento di apporto sanguigno alle corde vocali. L'afonia o la raucedine che ne risultano sono dovute all'aumentata attività della ghiandola tiroide. Gli estrogeni possono creare anche altri disturbi come ad esempio l'aumento della secrezione da parte delle cellule ghiandolari poste sotto e sopra le corde vocali, il che comporta una grande produzione di muco. Tutto ciò, esaltato dalla produzione di progesterone che avviene in contemporanea, viene affiancato da un correlato aumento della viscosità e dell'acidità delle secrezioni mucose, e da una diminuisce del volume delle secrezioni, situazioni che provocano così secchezza cordale. Alcuni degli altri effetti che le cantanti possono sperimentare in questo periodo (e talvolta anche durante il ciclo) sono: difficoltà nel cantare note alte, avere una qualità vocale rauca o sporcata, diminuzione di volume e qualità respiratoria, problemi di intonazione. Ulteriori disturbi posso includere: fatica vocale, diminuzione del range vocale, disturbi nel sentirsi e disturbi oftalmologici. Disturbi di audizione includono diminuzione o aumento dell'acuità uditiva, ipersensibilità al volume, ipersensibilità ad una ripetizione ritmica, malessere, acufeni, cambiamenti a livello di orecchio interno e medio in risposta ad una sordità transitoria. Disturbi del metabolismo energetico come cambiamenti dell'appetito che causano aumento di peso possono condizionare la cantante psicologicamente e fisicamente. La presa di coscienza dell'aumento di peso può colpire una cantante negativamente, specialmente se viene videoregistrata o appare in televisione, o se deve esibirsi in uno show live. La fatica può essere il problema maggiore per le cantanti che sperimentano la SP. Alcune caratteristiche fisiche come la tenuta e la vitalità, possono essere alterate. La laringe è molto sensibile e vulnerabile alla fatica. Si possono riscontrare anche disturbi neurologici o psicologici come la difficoltà di concentrazione, emicranie, sensazione di vulnerabilità. Le cantanti possono essere ipersensibili emotivamente e particolarmente sensibili alle critiche, o anche rabbiose ed ostili. Una cantante che pare avere estreme reazioni emotive può vedere compromessa la propria reputazione e addirittura, a volte, può interrompere la sua carriera. La causa e l'effetto di questi cambiamenti vocali possono essere davvero molto personali. Per cantanti professioniste può diventare una vera e propria perdita di sicurezza che colpisce l'immagine che hanno di loro stesse e prenderne il possesso nel momento in cui realizzano di avere questo problema. Questo potrebbe essere uno dei motivi per cui non se ne discute molto apertamente o, il discutere dei problemi ormonali di una donna potrebbe semplicemente derivare da una sorta di taboo.

Come può fare un'Artista a gestire questo disturbo? Prendere coscienza di come e quando si manifesta è già un buon punto di partenza. Tenere un calendario mensile può aiutare. Limitare caffeina, sale, zuccheri raffinati e alcol può ridurne gli effetti. Fare esercizio aerobico come corsa, nuoto o danza aiuta in questo caso ma anche a livello di benessere generale. Seguire programmi di gestione dello stress come yoga, rilassamento. Il riposo fisico e vocale possono essere necessari quando si è in questa fase. Supplementi vitaminici e di sali minerali danno il loro contributo. Nello specifico si menzionano: vitamina B6, magnesio, calcio e potassio; vitamina D per gestire i crampi alle gambe, ferro per l'anemia, insomma dei complessi multivitaminici e multiminerali sono utili per tutti questi sintomi. Usare miele in té caldi può aiutare la raucedine, la secchezza e la fatica vocale, dal momento che il miele umidifica molto. Bere molta acqua è un ulteriore fattore importante, purché non in grosse quantità a ridosso di uno show, in quanto in questo caso può favorire il reflusso. E anche meglio evitare l'aspirina ch e può aumentare l'emorragia. E' una buona idea consultare un ginecologo per discutere l'utilizzo della terapia ormonale, la 'pillola'. Il Trattamento Osteopatico risulta essere un ottimo aiuto per il riequilibrio circolatorio vascolare e linfatico, limitando gli 'accumuli' e migliorando la fluidità e la qualità delle connessioni proprie dell'organismo. Quindi, non c'è da preoccuparsi per la propria carriera artistica. Il prendere coscienza del disturbo è solo un gradino per creare una equipe in grado di gestire il disturbo in modo che l'essere donna non sia ancora una volta elemento di discriminazione nell'Industria Musicale.

#osteopatia #ciclomestruale #afonia #disfonia #sindromepremestruale #raucedine #canto #cantanti #cantante #valentinacarlile #osteopata #voce

© 2002 - 2020 by Valentina Carlile DO