Osteopatia e Balbuzie: e io cosa posso fare tra un trattamento osteopatico e l'altro?



Spesso quando si presentano pazienti con la balbuzie, una volta predisposto un piano di trattamento osteopatico e visti i primi risultati del trattamento, i pazienti chiedono come poter collaborare facendo qualcosa per conto loro. A parte alcuni esercizi di presa di coscienza del movimento della glottide che consiglio sempre, suggerisco sempre uno ‘self-study’ qualora non lo abbiano già intrapreso con un logopedista e/o uno psicoterapeuta. Questo self-study non vuole essere una sostituzione di atto medico ma torna utile ad un osteopata per raccogliere informazioni ulteriori sulla manifestazione della balbuzie. Ogni suono ha una sua propria impostazione ed articolazione e il ripetersi di atteggiamenti viziati, anche di tipo respiratorio, solo su determinati suoni può aiutare la guida nella ricerca e risoluzione delle disfunzioni somatiche sottostanti il problema. Io mi occupo osteopaticamente di balbuzie da circa 6 anni e la ricerca nel campo è un gesto continuo ed ogni volta che si riscontra qualcosa, viene aggiunto un tassello importante.

Sicuramente il balbettare crea frustrazione. Ci si può sentire scoraggiati ed arrabbiati con se stessi e con il mondo. Spesso nulla di ciò che si fa sembra essere efficace a lungo termine. Ben che vada, la balbuzie può essere ‘solo’ fastidiosa e nel peggiore dei casi interferisce notevolmente con la comunicazione e con la nostra vita. Come si può collaborare con il proprio terapista? Modificando l’atteggiamento che si ha quando si balbetta! Gli ingredienti per il cambiamento sono radicati nella conoscenza. Quello che serve è avere informazioni sul processo del parlare fluentemente, informazioni sulla balbuzie.

Per cominciare, occorre cambiare la vostra attenzione. Uno dei concetti più difficili da cogliere è questo: l’atteggiamento comune è tentare di non balbettare, però questo molto spesso contribuisce ad aggravare la balbuzie. Proviamo il comportamento opposto: provare a balbettare, o meglio lasciamo che la balbuzie si esprima. Ovviamente si vuole smettere di balbettare. Non piacciono le ripetizioni. Non si vuole sentire o vedere o percepire fisicamente balbuzie. Le esperienze di sentirsi "bloccato" sono frustranti e forse spaventose. I tremori delle labbra o della mascella possono dar luogo a situazioni di panico. E 'un lavoro duro. Più difficile di quanto si sia mai fatto prima. Ci si può però organizzare a fare un po’ di categorizzazione ed identificazione del comportamento da soli se si vuole collaborare. Non bisogna esagerare. Domani è un altro giorno. Ci sono voluti anni alla balbuzie per svilupparsi ad un certo stadio e modello. Il processo di trovare il meccanismo e cambiarne il relativo comportamento di disfluenza richiede tempo.

In primo luogo occorre studiare come parlare fluentemente. È necessario comprendere il modo in cui l'attività del parlare si svolge a livello fisico. Occorre cercare le informazioni che forniscano una spiegazione di come respirare per vivere e respirare per parlare siano meccanismi differenti e concentrarsi quindi sulla respirazione in modo naturale. Scoprire come l’aria fluisce dentro e fuori dalla bocca. Quando si inizia a parlare, parte di questo processo cambia. Scoprire come la voce inizia in modo semplice e con delicatezza quando si è rilassati e senza fretta espressiva. Notare come labbra e lingua sim muovono e come bisogni spostare la mandibola per modellare l'aria e la voce in parole. Sentire che è possibile muoversi agevolmente attraverso una parola e passare da una parola all'altra senza fermarsi. È fluidità, o almeno parte di essa. Pensare al numero di parole con cui si può parlare comodamente in una frase senza sforzare per l'aria. Focalizzarsi sulla velocità del parlare. Alcune parole in una frase vengono pronunciate in fretta, altre sono dette più lentamente per rendere il messaggio significativo. Il tono della voce si alza quando si fa una domanda e il volume aumenta quando si è arrabbiati. Quando si parla fluentemente molte azioni fisiche si verificano in modo coordinato, sequenziato. Questa è una delle chiavi. Studiare queste azioni. Parlare fluentemente è il comportamento che state cercando di ottenere di più. Occorre una solida consapevolezza del modello di fluidità. Rispettare gli altri quando parlano fluentemente e osservare se stessi. Prendere appunti. Non solo godere della scioltezza quando si verifica. Impara da essa. Che suono ha il parlare fluentemente? A cosa assomiglia fisicamente nel vostro corpo? A cosa assomiglia emotivamente nella vostra testa?

In secondo luogo, impostare l’atteggiamento di studio. Scegliere un libro sull’introduzione alla psicologia. Leggere i capitoli che trattano gli stimoli e le risposte e il modo in cui sono incatenati insieme. Scoprire come un comportamento può essere rafforzato o indebolito, o contro-condizionato. Il comportamento della balbuzie è sicuramente complesso, ma si comporta in modi leciti o previsti esattamente alla stessa stregua di altri comportamenti. La balbuzie è prevedibile e può essere modificata con l'applicazione di informazioni basate sul vostro studio del comportamento. Incorporate questa conoscenza nel vostro piano di terapia.

In terzo luogo, informarsi sulla natura della balbuzie. E’ stato scritto molto. Gli esperti hanno descritto le caratteristiche vocali della balbuzie (ripetizioni, prolungamenti, arresto del flusso d'aria, voce o movimento); il comportamento di accompagnamento (ad esempio scatti della mandibola, occhio che lampeggia, dicendo ‘uhm’ o ‘bene’); i sentimenti e gli atteggiamenti tipici; come si sviluppa la balbuzie nel corso del tempo; che cosa si sa sulle cause, e così via. La profondità della conoscenza è una vostra scelta. Lasciatevi guidare dal vostro livello di interesse e da un desiderio di diventare il più oggettivo e neutro possibile sulla malattia.

Quarto, sviluppare l'accuratezza analizzando la balbuzie in dettaglio. L'analisi non è il contare i momenti della balbuzie, ma determinare quali tipi di comportamento balbuziente adottate, come ripetizioni, prolungamenti o fermare il flusso d'aria, la voce o il movimento. Si verificano più tipi di comportamento in una sequenza? C'è un modello (schema)? Prendete nota. Osservare semplicemente che si ripete, ad esempio, non è sufficientemente descrittivo per poter essere utile più avanti. Chiedetevi qual è l’unità che si ripete: un suono? una sillaba? una parola? Quante volte una sillaba viene ripetuta in media quando si balbetta moderatamente? Quando si balbetta gravemente? Quando si presenta all'interno della parola la porzione ripetuta: all'inizio? Più avanti all'interno della parola? Ad un ritmo veloce? La ripetizione avviene con sforzo?

Quinto, sviluppare la capacità di far fronte al momento di balbuzie stessa. Dirigete la concentrazione sulla balbuzie come sta avvenendo nel presente periodo di tempo. Rivivere le difficoltà del passato o anticipare un futuro fallimento è inutile in questa sezione del "cambiamento di lavoro". Il residuo di queste emozioni negative fornisce pochi indizi per far fronte in modo efficace a come si sta manifestando la balbuzie ora. Man mano che imparate ad ascoltare, per vedere, e sentire fisicamente la balbuzie, continuate a chiedere: "Che cosa è avvenuto lì" e "Che cosa devo fare ora?" E "Allora che cosa è successo?" Cercate le conseguenze delle vostre azioni . Prendete appunti sui vostri risultati.

Sperimentate con la balbuzie. Scegliete una parola. Poi, dite quella parola trattenendo il fiato, vi accorgerete che è impossibile. Ma potete cambiare questo atto di "apnea", proprio come si sarà in grado di modificare altri comportamenti balbuzienti. Come? Ripensate al modo in cui la parola viene pronunciata uniformemente. Focalizzatevi sulla sensazione del movimento. Ottenete un quadro chiaro di quella parola. È possibile modificare parecchio se si sa chiaramente cosa si sta facendo e ciò che si sta cercando di fare.

Questa pratica in “trattenere il respiro" o qualsiasi altro balbuziente fatto appositamente potrà servire per attivarne il controllo? Temporaneamente può. Ecco come affrontarlo. È possibile terminare il respiro tenendolo subito prima di "lasciarlo andare". Non finire la parola. Semplicemente fermarsi. Cercare di stare più calmi. Riprovare più tardi o il giorno successivo. Rimanere in contatto con la balbuzie, per quanto più possibile in piccole dosi. Sperimentare in modo simile con gli altri tipi di comportamenti della balbuzie che si fanno abitualmente.

Sesto, comprendere le emozioni. Cercare nel famoso libro di psicologia le sezioni che trattano le emozioni e il loro impatto sulle prestazioni e l'apprendimento. La paura e l'imbarazzo - due emozioni negative comuni - sono noti per interferire con la capacità di concentrarsi e di svolgere un'attività. Questo vale per parlare così come per lo sport. Qual è il problema? Tali emozioni ti impediscono di essere completamente padrone delle situazioni?

Elaborare un piano terapeutico per includere una pratica di desensibilizzazione dalle emozioni dirompenti e dalla balbuzie. Non eliminerete totalmente le reazioni agli eventi che scatenano lo stress per voi, ma imparerete a ridurre il livello di stress fino a quando la comunicazione sarà più gestibile. E’ difficile tentare di parlare e praticare strategie una volta che la balbuzie e la paura sembrano essere fuori controllo. La maggior parte delle persone che balbettano hanno bisogno della direzione e del supporto di un logopedista in questo aspetto del "cambiamento di strategia.”

Settimo, considerare la possibilità che si possano avere due problemi di fluidità: la balbuzie e il disordine di elaborazione linguistica (cluttering). Più della metà di coloro che balbettano hanno entrambi. È veramente importante? Assolutamente. Il vostro programma di terapia deve essere rivisto per includere strategie per entrambi gli aspetti, se esistono. In caso contrario, la balbuzie migliora molto poco.

Ecco un indizio: Nella balbuzie sai quello che vuoi dire, ma non è possibile dare inizio alla parola. La vostra balbuzie si verifica in risposta ad un parlare troppo in fretta, avendo difficoltà a trovare le parole o le difficoltà ad organizzare i tuoi pensieri? Molte idee inondano la vostra mente in fretta, ma le lasciate andare prima di fissarne il concetto? Determinare se si fa cluttering in aggiunta a balbettare non è facile per un adolescente o un adulto. Il cluttering può essere mascherato da una grave balbuzie o da un comportamento conflittuale. Aspettatevi che la combinazione di problemi che si verificano nel cluttering varino e aumentino in gravità proprio come avviene con la balbuzie.

Ecco una strategia di ‘gestione’ per il cluttering: rallentare la frequenza per avere più tempo per organizzare i pensieri e recuperare le parole. Successivamente vi dedicherete al messaggio del parlare e alla sua meccanica.

Questa non è che una struttura ridotta all'osso su cui costruire, ma sicuramente un valido e necessario aiuto per ogni terapista che si occupa di balbuzie, sia esso un logopedista, uno psicologo o un osteopata. Troppo faticoso? I risultati valgono il tempo e lo sforzo che mettete nel compito.

Ed ora al lavoro e… Buona fortuna per la vostra ricerca per raggiungere i vostri obiettivi!

#balbuzie #cluttering #disfluenza #disfluenze #osteopatia #trattamentoosteopatico

81 visualizzazioni

© 2002 - 2020 by Valentina Carlile DO