Formazione della laringe



Benché le fondamenta della morfologia laringea siano state stabilite nel periodo di organogenesi, studi recenti hanno dimostrato che aspetti significativi di maturazione avvengono anche in periodi fetali critici (8 settimane alla nascita) e nello sviluppo postnatale.

Di particolare importanza in questo periodo sono gli eventi maturazionali che comprendono i cambi della posizione laringea in relazione alle strutture contigue del tratto aerodigestivo.

Nella maggior parte dei mammiferi, la laringe, a tutti i livelli di sviluppo postnatale, misurata dall’estremità superiore dell’epiglottide a quella inferiore della cartilagine cricoide, corrisponde al livello che va dal basioccipite o margine superiore prima vertebra (C1) alla terza o quarta vertebra cervicale (C3-C4). A questa posizione laringea corrisponde la posizione alta di osso ioide, lingua e costrittori faringei.

Ad esempio, la lingua a riposo giace quasi interamente nel cavo orale, senza porzioni che prendano parte ad una qualche porzione anteriore della parete faringea. Quindi, la regione sovralaringea della faringe è notevolmente piccola, con piccola o inesistente componente orale. Un’altra particolarità è che l’epiglottide confina o si sovrappone direttamente al palato molle. L'epiglottide può quindi passare dietro il palato molle per aprirsi direttamente nel rinofaringe, creando quello che viene spesso chiamata la laringe intranasale. Questa configurazione offre un canale d'aria direttamente dall’esterno tramite le narici e attraverso la cavità nasali a rinofaringe, laringe, trachea e polmoni. I liquidi, e anche qualche materiale semisolido, possono passare su entrambi i lati della laringe e rinofaringe tramite l’istmo delle fauci. Anche se molti studi hanno evidenziato la posizione alta della laringe infantile, solo di recente sono iniziati degli approfondimenti per individuare il periodo tardo fetale come momento cruciale per la definizione della posizione della laringe sufficiente per consentire la sovrapposizione area epiglottica-palatale. Infatti, studi recenti hanno dimostrato che la vita fetale è un periodo critico per lo sviluppo di strutture e funzioni future delle vie respiratorie e digestive superiori. Il secondo trimestre (13-26 settimane di gestazione), in particolare, ha dimostrato di essere un periodo di intensa attività di sviluppo. Studi hanno dimostrato che entro la settimana 15 di sviluppo, prima di quanto riportato in precedenza, l'epiglottide è già presente, indicando che un abbozzo epiglottico può essere visualizzato in precedenza rispetto al periodo stimato classicamente. Durante questo periodo, la laringe si trova alta nel collo, nella regione generalmente corrispondente all’area (dalla punta epiglottica al bordo inferiore della cricoide) dal livello del basioccipite alla terza vertebra cervicale. Alla 21ima settimana, l'epiglottide si trova ad essere quasi in apposizione all’ugola del palato molle. Tra 23 e 25 settimane, epiglottide e palato molle si trovano a sovrapporsi per la prima volta, fornendo così il già descritto ‘incastro'.

La costituzione di questo rapporto anatomico permette la creazione di percorsi respiratori e digestivi essenzialmente separati che funzioneranno come tale nel neonato. Recenti indagini ad ultrasuoni hanno mostrato modelli di attività respiratoria superiore fortemente indicativi di un sistema operativo iniziale a ‘2 tubi' funzionante anche prima della nascita, ovvero, la laringe rimane altamente posizionata e intranasale durante i movimenti di deglutizione fetali. Quindi, questo periodo tra la 23-25ima settimana può riflettere un momento critico per lo sviluppo delle intere vie respiratorie superiori. Questo può essere molto significativo, tanto quanto come la forma del basicranio è stato dimostrato sperimentalmente che sia correlato ad un rapporto diretto alla posizione della laringe nel collo. In questo stesso periodo della vita fetale avvengono cambiamenti importanti anche nel tratto respiratorio inferiore, ad esempio in questo periodo avviene la maturazione dell’epitelio ghiandolare polmonare.

Questo epitelio è responsabile della produzione del surfattante nel polmone fetale, una sostanza che si è dimostrata essenziale per la funzione respiratoria indipendente. Il verificarsi contemporaneo di questi fenomeni suggerisce che i tempi di maturazione del tratto respiratorio superiore e inferiore siano strettamente legati. Capire con sempre maggiore precisione queste fasi può essere di grande importanza per l'intervento e il trattamento dei bambini prematuri.

I neonati ed i bambini piccoli, fino a circa 1 1/2 a 2 anni di età continuano a mantenere una laringe alta. Come già spiegato, la sua collocazione va dal basioccipite - C1 e si estende fino al margine superiore C3-C4 nei neonati, scendendo leggermente a livello tra C2-C5 a circa 2 anni di età. La lingua a riposo si trova interamente all'interno del cavo orale.

Il mantenimento della posizione alta laringea nei neonati e nei bambini piccoli consente l'esistenza di vie respiratorie e digestive ampiamente separate simili a quelle descritte in altri mammiferi. Questi percorsi possono consentire al bambino di respirare e ingoiare alcuni liquidi quasi simultaneamente. Per questa posizione della laringe, i neonati respirano dal naso. Da un punto di vista linguistico, la posizione alta della laringe influenza fortemente la capacità di modificare i suoni, limitando fortemente la gamma di suoni producibili. Sebbene la laringe rimanga alta fino a circa il secondo anno, i primi episodi di respirazione orale, si verificano entro la prima metà anno di vita. Il periodo tra i 4 e i 6 mesi in particolare, può rappresentare una fase cruciale dell'attività del tratto aerodigestivo. In questo momento, i meccanismi di controllo neuromuscolare della laringe e della faringe stanno cominciando a cambiare ed anche la prima vera 'discesa' strutturale della laringe è avvenuta. Questo periodo di transizione può indicare un tempo di potenziale instabilità respiratoria a causa del passaggio da un ritmo respiratorio all'altro. Va ricordato che questo è anche un momento di maturazione notevole nel sistema nervoso centrale stesso. La combinazione di maturazione sistema nervoso e sviluppo nei modelli respiratori può predisporre il bambino ad una serie di problemi legati evolutivamente. La comparsa della sindrome della morte improvvisa del lattante (SIDS o morte in culla), ad esempio, può essere correlata a questi primi cambiamenti delle vie respiratorie superiori e ai sottili cambiamenti di posizione della laringe e di controllo centrale e periferico neuromotoria della laringe.

La discesa postnatale della laringe nel collo è uno degli aspetti più caratteristici della ontogenesi umana. La sua discesa permanente, che sembra iniziare nel secondo anno, si traduce in una laringe con posizione corrispondente al livello tra il bordo superiore di C3 e il bordo inferiore di C5 in un bambino di 7 anni e al bordo inferiore di C3 o parte superiore del C4 al bordo superiore del C7 con l'età adulta. Questo cambiamento di posizione della laringe altera drammaticamente i nostri modelli di respirazione e deglutizione. La laringe abbassata permanentemente produce anche un’area sovralaringea ingrandita della faringe. Questa espansione faringea risultante, a sua volta, permette una maggiore modifica di suoni prodotti alle corde vocali. La discesa della laringe ha quindi fornito la capacità di produrre completamente anatomica linguaggio articolato.

#embriologia #formazione #laringe #osteopatia

39 visualizzazioni

© 2002 - 2020 by Valentina Carlile DO