top of page
Valentina Carlile Osteopata
  • Instagram
  • Facebook
  • Immagine del redattoreValentina Carlile DO

La salute nel pianto


La salute nel pianto


Il pianto, fenomeno unico negli esseri umani, è una risposta naturale a una serie di emozioni, dalla profonda tristezza, al dolore, all'estrema felicità, alla gioia.


Ma piangere fa bene alla salute?

La risposta sembra essere sì. I benefici ‘medici’ del pianto sono noti fin dall'epoca classica. Pensatori e medici dell'antica Grecia e di Roma ipotizzarono che le lacrime agiscono come un purgante, drenandoci e purificandoci. Il pensiero psicologico di oggi in gran parte concorda, sottolineando il ruolo del pianto come meccanismo che ci permette di far rilasciare lo stress e il dolore emotivo.

Il pianto è un'importante valvola di sicurezza, soprattutto per chi si tiene dentro sentimenti difficili, situazione che gli psicologi chiamano coping repressivo: può essere dannoso per la nostra salute.

Gli studi hanno collegato la repressione ad un sistema immunitario meno resiliente, malattie cardiovascolari e ipertensione, così come con condizioni di salute mentale, tra cui stress, ansia e

depressione. È stato anche dimostrato che il pianto aumenta il comportamento di attaccamento, incoraggiando vicinanza, empatia e sostegno da parte di amici e familiari.


Le lacrime sono tutte uguali?

La scienza divide il prodotto liquido del pianto in tre categorie distinte: lacrime riflesse, lacrime continue e lacrime di commozione. Le prime due categorie svolgono l'importante funzione di rimuovere detriti come fumo e polvere dai nostri occhi e lubrificare i nostri occhi per proteggerli dalle infezioni. Il loro contenuto è per il 98% acqua.

È la terza categoria, le lacrime emotive (che eliminano gli ormoni dello stress e altre tossine dal nostro sistema), che potenzialmente offre i maggiori benefici per la salute. I ricercatori hanno stabilito che il pianto rilascia ossitocina e oppioidi endogeni, noti anche come endorfine. Queste sostanze chimiche di benessere aiutano ad alleviare il dolore sia fisico che emotivo. La cultura popolare ha sempre conosciuto il valore di un bel pianto come modo per sentirsi meglio, e forse anche provare piacere fisico.


Ma a proposito di ciò che viene detto sul pianto maschile?

"So che un uomo non dovrebbe piangere", dice il testo di una canzone "ma non posso tenere dentro queste lacrime” (I Heard It Through The Gravine, by Marvin Gaye).

Queste parole riassumono sinteticamente molti dilemmi di un uomo sull'espressione dell’emotività. Fin dall'inizio, ai ragazzi viene detto che i veri uomini non piangono. Quando questi ragazzi crescono, possono riempire i loro sentimenti nel profondo e ritirarsi emotivamente dai loro cari, o auto-gestirsi con alcol o droghe, o addirittura diventare suicida. Molti uomini, quindi, hanno bisogno di apprendere le abilità su come riconnettersi con le proprie emozioni. Negli anni '90, il poeta Robert Bly ha condotto seminari per uomini in cui ha insegnato ai partecipanti come entrare in contatto con i loro sentimenti di tristezza e perdita a lungo sepolti e a piangere apertamente se necessario.

Idealmente, tuttavia, tale educazione dovrebbe iniziare presto, a casa o a scuola, gli adulti dovrebbero dare sicurezza ai ragazzi a parlare di sentimenti difficili.


 

Valentina Carlile - Osteopata esperta in Osteopatia applicata a disturbi di Voce e Linguaggio dal 2002. Per informazioni e prenotazioni visita la pagina Contatti




98 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page