top of page
Valentina Carlile Osteopata
  • Instagram
  • Facebook
  • Immagine del redattoreValentina Carlile DO

Reflusso gastroesofageo


Reflusso gastroesofageo


Il reflusso gastroesofageo è una condizione diffusa che interessa milioni di persone, manifestandosi con sintomi che possono variare da lievi irritazioni occasionali a disturbi cronici che necessitano di gestione medica. Questo articolo offre un approfondimento dettagliato su cos'è il reflusso gastroesofageo, come si manifesta, le sue cause, le possibili complicazioni, e i modi per trattarlo efficacemente.


Cos'è il reflusso gastroesofageo?

Il reflusso gastroesofageo, spesso abbreviato come GERD (dall'inglese Gastro Esophageal Reflux Disease), si verifica quando il contenuto acido dello stomaco fa ritorno nell'esofago, il condotto che collega la bocca allo stomaco. Questo fenomeno non è solo scomodo, ma può causare danni significativi se non controllato. Il sintomo più comune del GERD è il bruciore di stomaco, una sensazione di calore o dolore che può salire dallo stomaco fino alla gola.


Sintomi comuni

I sintomi del reflusso possono variare da lievi a gravi e possono includere:

  • Bruciore di stomaco: Una sensazione di bruciore che può partire dallo stomaco e irradiarsi verso l'alto, fino alla gola.

  • Rigurgito acido: Un ritorno di cibo o liquidi acidi dallo stomaco alla bocca.

  • Dolore toracico: Sensazioni dolorose che possono essere scambiate per un attacco di cuore.

  • Difficoltà a deglutire: Sensazione di un bolo in gola o come se il cibo non scendesse facilmente.

  • Tosse cronica o laringite: Irritazione della laringe e delle vie respiratorie superiori può essere causata dall'aspirazione di piccole quantità di acido dello stomaco.


Cause e fattori di rischio

Le cause del reflusso gastroesofageo possono essere molteplici e spesso interrelate:

  • Sfintere esofageo inferiore debole o rilasciato: Normalmente, questo sfintere agisce come una valvola che chiude l'ingresso allo stomaco. Se non funziona correttamente, permette il ritorno di acido e cibo nell'esofago.

  • Obesità: L'eccesso di peso può aumentare la pressione sull'addome, spingendo il contenuto dello stomaco verso l'esofago.

  • Gravidanza: Similmente all'obesità, la gravidanza può incrementare la pressione interna e favorire il reflusso.

  • Fumo: Il fumo può rilassare lo sfintere esofageo inferiore e aggravare i sintomi del reflusso.

  • Dieta: Alimenti grassi, cioccolata, caffeina, alimenti piccanti, e alcool possono aggravare la condizione.


Complicazioni possibili

Quando il reflusso gastroesofageo non viene trattato adeguatamente, possono emergere complicazioni significative e gravi che peggiorano progressivamente la condizione del paziente. Tra queste, l'esofagite erosiva è particolarmente comune; si tratta di un'infiammazione cronica dell'esofago che può portare alla formazione di erosioni o ulcere, causando dolore e difficoltà nella deglutizione. Un'altra complicazione temibile è la stenosi esofagea, dove il tessuto cicatriziale formatosi a seguito dell'infiammazione cronica provoca un restringimento dell'esofago, complicando ulteriormente l'ingestione di cibo. Infine, una delle conseguenze più severe è l'esofago di Barrett, una condizione precancerosa in cui le cellule che rivestono l'esofago subiscono una trasformazione nella loro forma e composizione. Questa trasformazione aumenta notevolmente il rischio di sviluppare il cancro esofageo, rendendo fondamentale la prevenzione e il trattamento tempestivo del reflusso.


Gestione e trattamento del reflusso gastroesofageo

La gestione efficace del reflusso gastroesofageo richiede un approccio ampio che comprende cambiamenti nello stile di vita, trattamenti farmacologici e, nei casi più gravi, interventi chirurgici. Le modifiche consigliate nello stile di vita, come smettere di fumare, perdere peso, consumare pasti più piccoli e frequenti, evitare cibi che scatenano il reflusso, e non coricarsi subito dopo i pasti, possono significativamente diminuire i sintomi del reflusso. Farmacologicamente, si utilizzano antiacidi, inibitori della pompa protonica e antagonisti del recettore H2 per ridurre l'acidità e alleviare il disagio. Nei casi più resistenti, può essere necessaria la chirurgia, come la fundoplicatio di Nissen, per rafforzare lo sfintere esofageo. L’Osteopatia offre un valido supporto attraverso tecniche che migliorano la mobilità di diaframma e rachide, e la funzione degli organi addominali, alleviando la pressione intraddominale e ottimizzando la postura per ridurre i sintomi del reflusso e migliorare la qualità di vita del paziente.


Comprendere il reflusso gastroesofageo e i suoi sintomi è essenziale per identificare tempestivamente il problema e cercare un trattamento adeguato. Se sospettate di soffrire di questo disturbo è importante consultare un professionista della salute. Nei prossimi articoli, esploreremo più nel dettaglio le opzioni di trattamento, incluso l'approccio osteopatico, e vedremo delle strategie di gestione per vivere bene nonostante il reflusso.



 

Valentina Carlile - Osteopata esperta in Osteopatia applicata a disturbi di Voce e Linguaggio dal 2002. Per informazioni e prenotazioni visita la pagina Contatti



Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page