top of page
Valentina Carlile Osteopata
  • Instagram
  • Facebook
  • Immagine del redattoreValentina Carlile DO

Tiroidectomia: quando e perché?


Tiroidectomia: quando e perché?

La tiroidectomia è la rimozione chirurgica totale o parziale (lobectomia) della ghiandola tiroide. La tiroide è una ghiandola a forma di farfalla situata nella loggia anteriore del collo. Produce ormoni che controllano grani parte del metabolismo.

Diversi sono i motivi per i quali i chirurghi rimuovono la tiroide: cancro, ingrossamento non

canceroso (gozzo), iperattività (ipertiroidismo).

In caso di lobectomia la tiroide potrebbe funzionare normalmente dopo l’intervento. In caso di

asportazione totale è necessario un trattamento quotidiano con ormone tiroideo per compensare

la funzione naturale della tiroide.


Le condizioni cliniche che portano all’intervento sono nello specifico:


- Cancro alla tiroide: è il motivo più comune di intervento


- Gozzo: un gozzo di grandi dimensioni può causare disagio o rendere difficile la respirazione o la deglutizione.


- Ipertiroidismo: in questo caso la ghiandola produce una quantità eccessiva dell’ormone tiroxina. La tiroidectomia può essere un'opzione in caso di problemi con i farmaci antitiroidei o se non si desidera la terapia con iodio radioattivo che sono altri due trattamenti comuni per l’ipertiroidismo.


- Noduli tiroidei sospetti: alcuni noduli tiroidei non possono essere identificati come cancerosi o non cancerosi a seguito di biopsia con ago. Qualora ci fosse un rischio maggiore di essere cancerosi, potrebbe rivelarsi valida una tiroidectomia.


 

Valentina Carlile - Osteopata esperta in Osteopatia applicata a disturbi di Voce e Linguaggio dal 2002. Per informazioni e prenotazioni visita la pagina Contatti




Comments


bottom of page