Vaccini COVID e mammografia: quando è meglio farli?


Vaccini COVID e mammografia


Sono dati ormai ufficiali che i vaccini COVID, soprattutto quelli a mRNA possano dare in forma transitoria un aumento di dimensione dei linfonodi. Questo effetto, pur transitorio, può essere di impedimento al radiologo che deve eseguire la mammografia, in quanto potrebbe non essere possibile distinguere questi aumenti di dimensioni da eventuali alterazioni patologiche linfonodali correlate al tumore al seno.


Per questo motivo già a marzo 2021 la Society of Breast Imaging e successivamente anche molti Centri di Screening qui in Italia, hanno dato indicazione di sottoporsi a mammografia o prima del vaccino (seconda dose e7o booster) o almeno 4-6 settimane dopo, proprio per non incappare in quesot quadro radiografico che potenzialmente potrebbe portare la paziente a fare un secondo esame di approfondimento prima di poter escludere patologia. Qualora non fosse possibile anticipare il vaccino e/o la mammografia, si consiglia di far presente la concomitanza degli eventi al tecnico radiologo.


22 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti