top of page
Valentina Carlile Osteopata
  • Instagram
  • Facebook
  • Immagine del redattoreValentina Carlile DO

Osteopatia e Voce: paralisi unilaterale cordale post tiroidectomia – caso clinico


Osteopatia e Voce: paralisi unilaterale cordale post tiroidectomia


Il nervo laringeo ricorrente (RLN) è un ramo del nervo vago (CN X) che regola i muscoli della laringe. Un suo danno durante un intervento chirurgico può provocare una paralisi totale o parziale delle corde vocali. Il nervo laringeo superiore (SLN) è un altro ramo del CN X, che si ramifica ulteriormente nel ramo esterno del nervo laringeo superiore. Questo, è diviso in componenti interni/sensoriali ed esterni/motori. Il ramo interno riceve informazioni sensoriali dalla laringe sopra le corde vocali. Il ramo esterno innerva il muscolo cricotiroideo. Un suo danno comporta l'impossibilità di cambiare tono.


Danni al CN X possono causare difficoltà di deglutizione, paralisi del velo e/o problemi alla voce con sintomi come disfagia, afonia, respiro affannoso, raucedine.


Una paziente mi è stata inviata con paralisi unilaterale delle cvv da danno al ricorrente. La paziente, cantante moderna amatoriale, riferiva raucedine, difficoltà ad incrementare l’intensità, respiro affannoso, diplofonia.

Ricordiamo che la teoria mioelastica-aerodinamica della fonazione afferma che le corde vocali vibrano a causa della pressione dell'aria e dell'elasticità delle corde vocali.


La paziente mi è stata inviata prima di avviare il percorso riabilitativo logopedico.

Alla videolaringostroboscopia era ben visibile l’ipomobilità e l’insufficienza glottica correlata al danno.


Osteopaticamente è stata valutata la paziente in maniera specifica nel triangolo superiore per le 

relazioni cranio-cervico-mandibolo-laringeo. Sono state annotate le disfunzioni somatiche presenti e a livello laringeo era presente il classico schema in torsione per non utilizzo di alcune componenti.


Il trattamento ha cercato di “pulire gli eccessi” ripristinando, nel rispetto delle potenzialità del paziente, le relazioni distrettuali migliorando la funzionalità d’organo.


Al termine del percorso osteopatico (2 sedute) la paziente ha ridotto i sintomi ed è stata inviata al logopedista per la parte riabilitativa della terapia.



 


Valentina Carlile - Osteopata esperta in Osteopatia applicata a disturbi di Voce e Linguaggio dal 2002. Per informazioni e prenotazioni visita la pagina Contatti





Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page