Ernia iatale e reflusso gastroesofageo


Ernia iatale e reflusso gastroesofageo


L’ernia iatale è una patologia molto comune, a volte asintomatica ma che può comportare anche reflusso gastroesofageo. L’esame diagnostico è la gastroscopia che evidenzierà o smentirà la presenza di erosioni della mucosa, ulcere e/o stenosi.

Si tratta di una migrazione craniale (in torace) di parte dello stomaco attraverso uno sfintere posto nel diaframma, detto sfintere esofageo.

Alcuni fattori favorenti sono: l’età (importa una riduzione di tono muscolare) ed eccessive pressioni intraddominali (ad esempio disordini intestinali quali la stitichezza).


La presenza di associato reflusso gastroesofageo è determinata dal fatto che a causa di questa risalita, viene meno il meccanismo di valvola anti reflusso del giunto esofago-stomaco e diaframma e quindi accade che l’acido che arriva dallo stomaco e la bile che arriva in stomaco da duodeno tendono a risalire verso l’esofago per un gradiente pretorio invertito, esponendole ad azione erosiva per presenza di pH inappropriato.


Sintomi

- bruciore retrosternale

- rigurgito

- emorragia (nei casi più gravi) correlata ad ischemia della mucosa gastrica compressa nel passaggio diaframmatico

- Dolore toracico (che può mimare sintomi cardiaci) correlato a spasmo dei muscoli esofagei o a presenza di bolla d’aria


Terapia

- Dieta

- Farmaci inibitori di pompa protonica (PPI)

- Chirurgia (incaci di estrema risalita gastrica ed erosione)

- Il trattamento osteopatia si è rivelato utile ed efficace nella riduzione dei sintomi

54 visualizzazioni