Inquinamento acustico: come ridurne gli effetti nocivi?


Inquinamento acustico: come ridurne gli effetti nocivi?

L'inquinamento acustico può avere un impattare il nostro corpo in modo significativo (ipertensione, alterate funzioni cognitive, stress cronico).


Come ovviare a questo problema?

La prima difesa contro l'inquinamento acustico è fare il possibile per controllare l'ambiente e limitare il rumore nello spazio in cui ci troviamo. Alcune strategie comprendono:

• Finestre con doppi vetri

• Ridurre il rumore sul posto di lavoro

• Spegnere la TV quando non necessaria

• Adottare otoprotettori



È importantissimo cercare di creare un ambiente il più sano possibile dal rumore, in cui vivere. Pensiamo solo che parte del prezzo che l’inquinamento acustico richiede al corpo è dovuto all'attivazione della risposta allo stress del corpo, è logico cercare contrastare alcuni di questi effetti negativi utilizzando regolarmente tecniche in grado di invertire i cambiamenti fisiologici del corpo causati dallo stress cronico.

Per chi si trovasse ad abitare nei pressi di aeroporti o in centri urbani rumorosi, esistono macchine per il rumore bianco o sia sonore, che riproducono cascate e pioggia, ruscelli. Questi suoni mascherano i rumori ambientali che possono distrarci o influire negativamente sul sonno.

In ufficio o in officine è possibile ricorrere a otoprotettori o cuffie con collezione del rumore.

Questi sistemi possono migliorare l’umore, aumentare l’immunità alle malattie, o semplicemente restituirci energia.


Per ridurre lo stress esistono anche diverse tecniche utili che includono:

• Esercizi di respirazione

• Meditazione

• Yoga



 

Valentina Carlile - Osteopata esperta in Osteopatia applicata a disturbi di Voce e Linguaggio dal 2002. Per informazioni e prenotazioni visita la pagina Contatti



12 visualizzazioni