SARS-CoV-2 e deficit Nervi Cranici



Ad un anno dall’inizio della Pandemia iniziano ad arrivare report sui “danni” da infiltrazione

infiammatoria e/o proteica della SARS-CoV-2 che paiono essere stati per lo più accompagnati a

fenomeni tromboembolici nella prima ondata, ad infarti intestinali nella seconda e polmonari e

pneumotorace nella terza.

Per chi si occupa di questi pazienti però non passa inosservata la presenza di diversi casi ormai

che manifestano lesioni tronco-encefaliche e nello specifico bulbari.

Anche a me in studio sono stati inviati per una presa in carico terapeutica integrata post-

ospedaliera, pazienti ex terapia intensiva COVID, (alcuni di questi avevano subito anche

tracheotomia) con deficit conclamati e documentati a carico di CN X, CN XI, CN XII, e

manifestazioni di raucedine e voce ariosa, disfagia e debolezza del palato molle, debolezza di

trapezio e SCOM, deviazione linguale.

I pazienti durante la terapia (integrata respiratoria, logopedica, osteopatica) sono migliorati

indirizzando quindi questi deficit al fatto che probabilmente non si tratta di un danno neurologico

motorio progressivo.


A livello scientifico non è ancora provato se questi deficit siano o meno direttamente (per causa

virale o immuno-mediata) effetti del SARS-CoV-2.


La paralisi bulbare potrebbe secondo alcuni studiosi anche essere una variante locale della

Sindrome Guillain-Barré associata al COVID.

La neuropatia potrebbe essere anche correlata alla posizione protratta e anormale di pronazione, da un malposizionamento o spostamento del tubo di ventilazione, da un eccessivo gonfiaggini della cuffia durante l’intubazione orotracheale o la tracheotomia.


Sicuramente questi, come altri elementi troveranno una più corretta analisi e spiegazione a

Pandemia terminata. Resta nel frattempo fondamentale lo scambio di informazioni tra clinici.

Post recenti

Mostra tutti