top of page
Valentina Carlile Osteopata
  • Instagram
  • Facebook
  • Immagine del redattoreValentina Carlile DO

Carcinoma lingua, cavo orale: Ruolo dell’Osteopata


Carcinoma lingua, cavo orale: Ruolo dell’Osteopata


Gli ultimi dati clinici riportano che ogni anno, in Italia, ci siano 44000 nuovi casi di carcinoma alla lingua e in cavo orale e molto spesso i pazienti arrivano alla diagnosi quando il problema è già avanzato.


Ogni lesione della mucosa orale che non guarisca entro due settimane andrebbe tempestivamente riferita ad uno specialista.


Di norma questa patologia si presenta con dolore e un’ulcera che può colpire il labbro o la lingua con cambiamento del colore del tessuto, rosso, rosso e bianco o solo bianco.


Alla diagnosi seguono solitamente chirurgia e radioterapia che prevedono rimozione della lesione e della componente linfonodale interessata.


Nei casi più complessi, in cui la rimozione del tessuto è più importante, il paziente segue successivamente riabilitazione logopedica per deglutizione e linguaggio.


L’intervento osteopatico, associato alla logopedia mira a ridare agio alle strutture “rimaneggiate’, alle aderenze cicatriziali e ai quadri disfunzionali di sovraccarico eventualmente derivanti dalla scarsa sensibilità o a sbilanciamenti biomeccanici soprattutto all’inizio della fase riabilitativa e soprattutto quando si è in presenza di emiglossectomie.


Comentarios


bottom of page