top of page

Osteopatia e Voce – Distonia: Racconto di N., donna, 77 anni

Aggiornamento: 20 mar 2021


Fin dall 'età di 15 anni soffrivo di tremore alle mani, tremore che si accentuava in momenti di stress e di forte emotività. Lo stesso disturbo lo aveva mio padre.

Nel 2008, precisamente a fine marzo, mio figlio si ruppe il femore e venne ricoverato in ospedale.

Da quel momento (ma me ne accorsi solo più avanti) cessò completamente il tremito alle mani e mi passò alla voce. I primi sintomi molto evidenti cominciarono nel mese di maggio con raucedine, fatica a parlare, tremore del capo quando parlavo.

A luglio andai a fare una visita ORL e lo specialista mi disse che non avevo nulla alle corde vocali, nessun disturbo. Mi consigliò di farmi vedere da un neurologo.

Cosa che feci; anche perché la mia dottoressa di base mi disse che avevo il Parkinson!

All'epoca il tremore era molto alto, non riuscivo quasi a parlare, non riuscivo a farmi comprendere bene dalle persone con le quali colloquiavo.

Parlare al telefono era una follia: dovevo continuare a ripetere quello che dicevo e guardandomi allo specchio avevo il capo che continuava a muoversi, come a dire si, e non riuscivo a fermarlo!

A fine ottobre 2008 mi feci ricoverare per una serie di esami per scoprire da cosa dipendesse questo tremore.

Emerse che ero affetta da ipertiroidismo molto alto.

La RM dell'encefalo diede questi risultati: alterazione di segnale sfumatamente ipointensa in tutte le sequenze dei nuclei della base.

Ecco la diagnosi di dimissione “Ipofonia. Ipertiroidismo da gozzo plurinodulare. Sindrome ansioso-depressiva”.

Mi ordinarono farmaci per il reflusso gastro esofageo e per la sindrome ansioso-depressiva.

A febbraio 2009 venni operata alla tiroide, ma la Professoressa che mi operò, già dalla visita preoperatoria, mi disse che non mi assicurava che avrei ripreso a parlare normalmente.

A maggio del 2010, facendo ricerche via internet, compresi che il mio poteva essere o tremore essenziale che era passato alle corde vocali oppure una distonia.

Feci quindi una prima visita da uno specialista di Vicenza che mi prescrisse il Mysoline.

Si potrebbero prendere i betabloccanti, ma ho la tendenza ad avere la pressione bassa e quindi non posso prenderli.

Mysoline non mi fece nessun effetto. Quindi, alla successiva visita di dicembre lo specialista consigliò di provare con la tossina botulinica.

Il 28 luglio 2010 feci l'esame DAT SCAN con liquido di contrasto. Ecco la diagnosi: l'indagine documenta sostanzialmente regolare e simmetrica captazione del tracciato di trasporto presinaptico di dopamina a livello dello striato d'ambo i lati.

A marzo 2011 andai a Milano a fare una visita neurologica da uno specialista che mi confermò il tremore laringeo e consigliò di riprovare con Mysoline, indicandomi in alternativa una specialista di Milano per la tossina botulinica.

Il 27 luglio 2012 feci una videolaringoscopia. Ecco il referto: In corrispondenza del tremore del capo indotto dalla fonazione si osserva tremore in tutto l'organo laringeo, come per movimento trasmesso, ma mai tremori del piano glottico.

Da marzo 2011 a febbraio 2014 effettuai periodicamente trattamento con tossina botulinica.